Guarda negli occhi gli ucraini

Fai la cosa giusta Dona adesso

Cover Image for Guarda negli occhi gli ucraini

Successo dell’Evento “Guarda negli occhi gli ucraini” ad Ancona

Il 13 giugno 2024 ad Ancona, abbiamo realizzato con successo la performance “Guarda negli occhi gli ucraini”. Nonostante la pioggia mattutina, il sole è presto uscito, illuminando il nostro evento e creando l’atmosfera perfetta per un’esperienza unica e toccante.

L’evento si è svolto in Corso Giuseppe Garibaldi dalle 19 alle 21, dove due sedie e un tavolino sono stati posizionati in una zona pedonale centrale e affollata. Uno degli ucraini partecipanti si è seduto su una delle sedie, mentre l’altra era riservata ai passanti italiani, invitati dai nostri volontari a sedersi e a guardare negli occhi l’ucraino di fronte a loro per un minuto.

Abbiamo avuto l’opportunità di stabilire una connessione visiva con molte persone, per lo più turisti stranieri provenienti da tutto il mondo, tra cui Italia, Francia, Grecia, e altri paesi. È stato particolarmente interessante notare come i turisti di altre nazioni siano stati aperti a condividere questo momento di contatto visivo e di connessione emotiva. Questo gesto semplice ma potente ha permesso a tutti i partecipanti di vivere un’esperienza arricchente.

L’evento ha confermato per noi quanto sia importante guardarsi negli occhi per comprendere più a fondo l’altro. Vogliamo ringraziare tutti coloro che hanno partecipato, permettendoci di creare un ponte di empatia e comprensione tra le nostre culture. Potete rivivere alcuni momenti salienti dell’evento attraverso il video disponibile su Facebook.

occhi


Continua leggere

Buon Anno Nuovo a tutti i nostri sostenitori di Insieme per Ucraina! Siamo lieti di iniziare un nuovo anno e di avere l’opportunità di continuare a lavorare insieme per raggiungere la nostra missione di aiutare l’Ucraina. Speriamo che il nuovo anno porti salute, felicità e successo a tutti voi, e che sia l’anno della vittoria […]

La sala cinematografica era avvolta in un silenzio denso, quasi tangibile, interrotto solo dal lieve fruscio delle persone che, mosse da un’emozione condivisa, rimanevano ancorate alle loro sedie. Avevo appena assistito alla proiezione di “20 Days in Mariupol”, un documentario che racconta con cruda autenticità i giorni dell’assedio di Mariupol, sotto gli occhi vigili e la telecamera coraggiosa del regista Mstyslav Chernov e fotogiornalista Ievhen Maloletka.